Deroghe orarie e luoghi – emergenza COVID

si precisa che quanto in precedenza comunicato relativamente allo svolgimento dei censimenti notturni della fauna selvatica in zona rossa, s’intende valido anche per i censimenti dei galliformi alpini.

Pertanto si conferma quanto segue.

Viste le disposizioni governative che collocano la Regione Lombardia in zona rossa a partire dal 15 marzo, a seguito dell’applicazione delle misure di cui al Capo V del DPCM 2 marzo 2021, nonché alla luce della disciplina statale e dei chiarimenti forniti dal Governo e salvi diversi ulteriori provvedimenti, in Regione Lombardia è consentito effettuare i censimenti delle popolazioni di fauna selvatica da parte dei soggetti incaricati ai sensi della l.r. 26/93.

Alla richiesta se è possibile effettuare l’attività di censimento della fauna nelle ore notturne, avendo approfondito il quesito con l’ufficio legislativo, l’indicazione è che per le specie per le quali è previsto il censimento notturno, è possibile derogare alle limitazioni di cui al DPCM 2 marzo 2021. Ne consegue che i cacciatori incaricati possono uscire dal comune di residenza per raggiungere i luoghi di censimento in orari adeguati, anche durante le ore notturne.

I partecipanti ai censimenti, che devono risultare opportunamente incaricati e dotati di autocertificazione, saranno tenuti all’osservanza delle disposizioni vigenti, quali l’obbligo di indossare regolari mascherine e mantenere il distanziamento sociale di almeno un metro, nello svolgimento di tutte le attività necessarie per la loro migliore effettuazione.

Per ulteriori approfondimenti vedasi anche le FAQ sul portale di Regione Lombardia per le Attività agricole, di controllo faunistico, venatorie e di pesca:

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/coronavirus/misure

Si chiede cortesemente di divulgare la comunicazione ai CAC di propria competenza territoriale.

Cordiali saluti

Roberto Daffonchio